Dicembre 2018

PAROLE INUTILI

Esternazione N. 160 - N. 10 del 2018)

 

         Sono sempre Giovanni Ferrero, pensionato ormai con ottantacinque compiuti, cioè, in attesa di sciogliere le vele. Di tanto in tanto, mi diletto ad aggiornare il mio sito con ciò che mi passa per la mente: alcune rimembranze familiari ed alcune idee da vecchietto. Si tratta soprattutto di ricordi (anche come ex provveditore agli studi) e di notiziole varie, di nessun interesse. Ma devo ben ammazzare il tempo, in attesa che il tempo ammazzi me...
          Spero di raggiungere, in particolare, la gente di scuola che mi conobbe, i miei compaesani emigrati e, in generale, chiunque abbia cinque minuti da perdere, ammesso che siano persi cinque minuti dedicati al relax mentale.
           E' inverno, cade la neve, il tempo passa ed i capelli imbiancano. Non a me, che non ne ho più... E' il mese degli affetti familiari, della bontà vera; il mese in cui, con un minimo di buona volontà, spesso si accomodano dissapori familiari, si riallacciano rapporti allentati, si spera tanto nel futuro.
          Guardo in silenzio, dalla finestra, pigri fiocchi di neve e mi assale la nostalgia; penso agli anni passati, ai ricordi che mi assalgono e mi commuovono, penso alle persone che mi erano care... e mi metto a leggere distrattamente il giornale per non dover usare il fazzoletto.

BUON NATALE AI MIEI DODICI LETTORI ED AI LORO CARI!

          E BUON NATALE agli studenti di buona volontà; che il Cielo li protegga e li faccia uscire presto da queste secche politiche che dicono annunciatrici di nuvoloni neri.
          Nei mesi scorsi, feci alcune osservazioni sulla Scuola: rileggetele. A Dio piacendo, finché ne avrò la forza, continuerò a scrivere ciò che mi passa per la testa, sempre avendo di mira un'educazione onesta (onestà in chi dà e in chi riceve, genitori compresi).
          Arrivederci! (a Gennaio?)
          Grazie.

 

          INDICE

          Le novità del mese

°°°°°

Bella Italia, amate sponde...
Documenti fotografici
Grano e riso (completo)
La perfetta Letizia (completa)
Se son Fioroni, fioriranno? (completo)
Ave Maristella (completo)
Profumo di serietà? (completo)
In carrozza! (completo)
Il "Magnifico" Giannnini(completo)
La dottoressa Fedel(completo)
Lo sportivo Bussetti
Lettere al Beato Angelo
Libri:    La Tentazione di Vivere
Novello (dove tutto è bello)
Novello (registri)
Monforte          (registri)
Taipei, Cina (completo)
Terza Liceo 1952 (completo)      
Ricerche
Testi archiviati
Siti scolastici ufficiali:
M.I.U.R. (Ministero)
U.S.R. (ex Sovrintendenza TO)
C.S.A. (ex Provveditorato CN)

La Tentazione di Vivere

è l'ultimo sorprendente romanzo, seriamente ironico,
di Antonio Ferrero - Edizioni Clandestine

   Fausto Becchetti è un professore in pensione che, al compimento del sessantesimo anno, si accorge di non avere più alcun motivo per vivere.
   Scopre un’agenzia che offre una sorta di “eutanasia per persone sane”. Per utilizzarla, il professore dovrà sottoporsi ad alcune prove ed affrontare tutte le ragioni per cui un uomo vorrebbe vivere.
   Nessuna di queste esperienze sembra scalfire le sue convinzioni, per la soddisfazione di Fausto e dell’agenzia.
   Fino a quando, poco prima di sottoscrivere il contratto, qualcosa interviene per mettere in dubbio - ma solo in dubbio? - quella che ormai ritiene un’insindacabile decisione.
   Un libro piacevole e, nel contempo, drammatico che rivela in modo schietto l’interrogativo che tutti, presto o tardi, arriviamo a porci: qual è il senso della vita?
   Avvincente la trama, facile e scorrevole la lettura, con pagine crudeli sulla situazione scolastica; dovrebbero leggerlo tutti i docenti, tutto il personale della scuola, tutti i genitori che amano i propri figli.

(Altre notizie nel settore "LIBRI")

Per facilitare il lettore, ho inserito - come ultimi oggetti dell'indice - l'aggancio diretto ai tre siti principali ufficiali della scuola, dei quali consiglio la frequente visitazione.

Il mio sito casalingo non è una testata giornalistica: lo aggiorno di tanto in tanto, senza alcuna periodicità, quando ho qualcosa da proporre. Non ha (e non pretende di avere) i requisiti del prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
       Estraggo materiale anche dalla rete, ritenendo che sia di pubblico dominio, ma se qualcuno dovesse ritenersi plagiato, è sufficiente che me lo comunichi e provvederò in merito. Lo stesso per eventuali problemi di privacy (ma io preferisco chiamarla riservatezza).